Il futuro di Marek Hamsik è sempre più vicino a essere un ritorno al passato: il centrocampista ex Napoli è infatti a un passo dal tornare allo Slovan Bratislava, club slovacco con il quale ha esordito tra i professionisti nella stagione 2003-2004. Hamsik ha infatti rescisso nella giornata di mercoledì il proprio contratto con il Dalian Pro, club cinese nel quale era approdato nel febbraio del 2019 dopo l’addio al Napoli, e in queste ore sta cercando l’accordo con il suo primo club. Le parti si incontreranno presto per trovare un’intesa definitiva sulla base di un contratto di soli tre mesi: il calciatore, classe 1987, vuole infatti mettere minuti nelle gambe per farsi trovare pronto agli Europei e poi valutare con calma il proprio futuro.

Lo Slovan Bratislava è, come detto, il club che ha lanciato Marek Hamsik nel calcio professionistico: il centrocampista slovacco approda al club nell’estate del 2002 dal Jupie Podlavice, piccola squadra nella quale Hamsik è cresciuto, e dopo essere stato a un passo dallo Sparta Praga nell’anno precedente. Qui compie tutta la trafila del settore giovanile, fino al debutto in prima squadra datato 24 luglio 2004: Hamsik, non ancora 17enne, esordisce nella partita di seconda divisione slovacca contro lo Zemplin Michalovce e da lì inizia il suo percorso che lo porterà a essere il calciatore con più presenze e gol nella storia della nazionale slovacca e il primatista di presenze con la maglia del Napoli. Dura infatti soltanto una stagione la sua permanenza nella prima squadra dello Slovan, perchè nell’estate del 2004 è il Brescia a vederlo e portarlo in Italia. Tre stagioni nelle Rondinelle, prima di spiccare il volo e conquistare Napoli: dodici anni in azzurro, di cui sei da capitano, con all’attivo due Coppe Italia e una Supercoppa Italiana. L’addio avviene nel febbraio del 2019, direzione Cina. Dopo due anni però l’avventura al Dalian Pro si è conclusa e il percorso di Hamsik è sempre più vicino a tornare al punto di partenza, per chiudere un meraviglioso cerchio lungo 17 anni.