Di smettere non ne ha alcuna intenzione. E qualche tempo fa Valeri Bojinov è stato molto chiaro: non gli dispiacerebbe se il suo futuro calcistico, da giocatore o da dirigente, fosse in Italia. Chissà, il destino potrebbe anche accontentarlo…

Di smettere non ne ha alcuna intenzione. E qualche tempo fa Valeri Bojinov è stato molto chiaro: non gli dispiacerebbe se il suo futuro calcistico, da giocatore o da dirigente, fosse in Italia. Chissà, il destino potrebbe anche accontentarlo, perchè è da qualche tempo che si fa il suo nome in chiave calciomercato. La sessione invernale è chiusa, ma l’ex attaccante di Lecce, Fiorentina, Juventus e Manchester City è svincolato e quindi potrebbe tranquillamente unirsi ad una nuova squadra fino a fine marzo. E la conferma arriva dallo stesso Bojinov, che ai microfoni di Blitz, quotidiano bulgaro.

OFFERTA – “Sì, ho un’offerta e sto aspettando di vedere come andranno le cose. Ma ho un’altra opzione”. Classe 1986, talento da vendere e un po’ di pigrizia, ammessa però dallo stesso attaccante. Uno che nel campionato italiano si è trovato a suo agio, anche se non ha mai del tutto mantenuto le promesse di inizio carriera. Arrivato giovanissimo nel nostro paese, si è messo in luce a Lecce e poi ha provato la fortuna prima a Firenze e poi addirittura a Torino, sponda bianconera nella stagione di B post-Calciopoli. Nè l’esperienza alla Juventus nè quella successiva al City, però, hanno reso onore alle potenzialità di chi, parola sua, avrebbe potuto giocare anche nel Real Madrid…se ne avesse avuto voglia.