com

Romelu Lukaku, a lungo inseguito dall’Inter, sembra sempre più vicino alla Juve. Ma è solo l’ultimo di una serie di duelli sul calciomercato che hanno visto protagoniste le due storiche big del nostro calcio. Da Platini a Stankovic, passando per Ibrahimovic: quando il derby d’Italia inizia già in estate

luk

ROMELU LUKAKU: Paratici è volato a Londra per parlare con gli emissari dello United. Si attende il sì di Dybala, ma lo scambio del mercato estivo 2019 prende sempre più quota. E l’Inter vede il suo principale obiettivo per l’attacco sempre più lontano

con

ANTONIO CONTE e BEPPE MAROTTA: fa un certo effetto vederli uno affianco all’altro nella sede dell’Inter. Sono stati gli artefici della ricostruzione bianconera post Calciopoli, oggi hanno unito le forze per battere il loro passato

god

DIEGO GODIN: come ha ammesso lo stesso centrale uruguayano, la scorsa estate la Juve provò ad anticipare la concorrenza per portare a Torino lo “Sceriffo”. Godin disse “no, grazie”, prima di accordarsi mesi dopo con la storica rivale

pja

MARKO PJACA: aveva incantato l’Europa con una prestazione show a Euro 2016 contro la Spagna. L’ala croata fece letteralmente impazzire la difesa iberica. E su di lui mise gli occhi anche l’Inter…

pja

Alla fine Pjaca scelse la Juve campione d’Italia. A Torino, per problemi di adattamento al calcio italiano e vari infortuni, non ha mai rispettato le attese

dyb

PAULO DYBALA: esplose nella stagione 2014-2015, segnando 13 gol in Serie A con la maglia del Palermo. L’Inter si innamorò del suo sinistro magico e provò a prenderlo

dyb

Niente nerazzurro, Paulo Dybala passò alla Juventus per 40 milioni di euro. Oggi il destino della “Joya” torna a incrociarsi (seppur indirettamente) con quello dell’Inter

vuc

MIRKO VUCINIC e FREDY GUARIN: nel gennaio 2014 Juve e Inter si accordarono per uno scambio alla pari. Vucinic all’Inter e Guarin alla Juventus. Sembrava tutto fatto, poi arrivò il dietrofront dei nerazzurri…

pro

L’allora presidente Erick Thohir non diede l’assenso all’operazione messa in piedi da Marco Fassone. Il “no” arrivò dopo una dura contestazione dei tifosi interisti. “Via le mele marce dalla società”, scrissero in uno striscione i supporter nerazzurri. E la Juve non la prese bene…